Cuba

Una identitÓ in movimento


La storia non raccontata dei Cinque: un insulto all'umanitÓ (10)

Ricardo Alarcˇn de Quesada


Il 6 marzo del 2009 dodici documenti degli Amici della Corte (Amicus Briefs) sono stati presentati in appoggio alla petizione di revisione dei Cinque. Quello Ŕ stato il maggior numero di documenti di quel tipo mai consegnato alla Corte Suprema per la revisione di un caso penale.

Otto dei documenti provenivano da istituzioni o persone statunitensi: l'Associazione di Avvocati Difensori Penalisti, l'Associazione di Avvocati Difensori Penalisti della Florida, con sede a Miami, il Progetto Nazionale delle Giurie, la Corporazione Nazionale di Avvocati e la Conferenza Nazionale di Avvocati Neri, l'Istituto William C. Velßsquez e l'Associazione Politica Messicano-Americana, il Dipartimento di Diritto Civile della FacoltÓ di Diritto dell'UniversitÓ Howard, il Centro per la Politica Internazionale ed il Consiglio di Assunti Emisferici, oltre ad un Amicus presentato dai professori Nelson P. ValdÚs, Guillermo Grenier, FÚlix Masud-Piloto, JosÚ A. Cobas, Lourdes ArgŘelles RubÚn G. Rumbaut e Louis PÚrez, importanti accademici cubanoamericani, autori di alcuni dei pi¨ importanti libri sull'emigrazione cubana verso gli Stati Uniti.

L'appoggio di tutto il mondo Ŕ stato realmente impressionante: un Amicus Ŕ stato presentato da 10 Premi Nobel: JosÚ Ramos-Horta (presidente della Repubblica di Timor Est), Wole Soyinka, Adolfo PÚrez Esquivel, Nadine Gordimer, Rigoberta Mench˙, JosÚ Saramago, Zhores Alferov, DarÝo Fo, GŘnter Grass e Mßiread Corrigan Maguire.

Un altro, da una cifra record di legislatori da tutti gli angoli del pianeta: il Senato messicano e l'Assemblea Nazionale di Panamß in sessione plenaria, in entrambi i casi,il tema era stato discusso e votato all'unanimitÓ. Nella lista figurano anche Mary Robinson, ex Presidente d'Irlanda ed ex-Commissaria per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, decine di membri di tutti i gruppi politici del Parlamento Europeo, inclusi tre attuali Vicepresidenti e due ex Presidenti, e centinaia di parlamentari brasiliani, belga, cileni, tedeschi, irlandesi, giapponesi, messicani, scozzesi ed inglesi.

Questo documento aggregava appelli senza precedenti di altri Premi Nobel, il Vescovo Desmond Tutu e Harol Pinter, il Consiglio delle Chiese di America Latina e dei Caraibi, il Parlamento Latinoamericano, cosý come altri organismi legislativi regionali, oltre a risoluzioni specifiche di appoggio approvate dai Parlamenti Nazionali di Namibia, Mali, Russia, Messico, Brasile, Bolivia, Venezuela, Per˙, Irlanda, Svizzera e Belgio, tra gli altri.

Due documenti separati sono stati inoltre presentati da un ampio spettro di organizzazioni di avvocati e specialisti: uno veniva dalla Federazione Ispano-americana del Ombudsman, l'Ordine di Avvocati di Brasile (con 700.000 membri), Associazioni di Avvocati del Belgio, la Associazione di Avvocati di Berlino ed altre Associazioni tedesche, la Federazione Internazionale dei Diritti Umani ed un gruppo di organizzazioni religiose, legali e dei diritti umani, e professori di diritto ed avvocati argentini, cileni, colombiani, ecuadoriani, tedeschi, giapponesi, messicani, panamensi, portoghesi, spagnoli ed inglesi. Tra le personalitÓ che hanno firmato si trovavano Federico Mayor Zaragoza, ex Direttore Generale dell'UNESCO ed il Giudice Juan Guzmßn Tapia dal Cile.

Un altro Amicus Ŕ stato presentato dall'Associazione Internazionale di Avvocati Democratici, l'Associazione Americana di Giuristi, l'Associazione di Avvocati indiana, Droit SolidaritÚ, la SocietÓ Haldane, ed altre organizzazioni legali italiane, filippine, portoghesi e belga.

Un gruppo di avvocati nordamericani si sono offerti volontari per preparare quei documenti (come richiesto dalla legge), consultare e coordinare le molte persone coinvolte e presentare tutto in tempo e con il dovuto rispetto dei parametri tecnici e di altro tipo stabiliti dalla Corte. Ogni individuo o istituzione che presentava un Amicus doveva identificarsi con dati specifici, firmare personalmente e pagare. Conformemente alla Regola 37.6 della Corte


"Nessuno degli avvocati di nessuna parte ha redatto questo documento nÚ totalmente nÚ parzialmente. Nessun avvocato o entitÓ differente dagli amici della corte o dai loro avvocati, ha realizzato contributi monetari con l'intenzione di finanziare l'elaborazione o la presentazione di questo documento".


╚ stato un lavoro immenso, per il quale molte persone meritano di essere ringraziate. Tutti i documenti, insieme ad una lista completa degli amici della corte, possono essere incontrati nel blog SCOTUS (www.scotusblog.com) ed in www.antiterroristas.cu.

Non sapremo mai cosa hanno pensato i magistrati ed i loro assistenti, se lo hanno fatto, circa questi documenti. Nessuno sa neppure se li hanno guardati. Gli amici della corte non hanno ricevuto nessuna risposta nÚ commentario, neppure un avviso di ricevuta da un assistente.

Nessuno sa neanche come si sono pronunciati i magistrati in relazione alla sollecitudine di revisione.

Sappiamo solamente che la petizione dei Cinque Ŕ stata rifiutata il 14 giugno, insieme ad altre petizioni che la Corte ha deciso di non ascoltare.

Un famoso poeta messicano una volta definý l'attitudine imperialista degli Stati Uniti con la combinazione di due parole: arroganza ed ignoranza. Sembra che la Corte sia la suprema personificazione di entrambe.







    (Traduzione Granma Int.)







    Pagina inviata da Gioia Minuti
    (29 ottobre 2009)


Cuba. Una identitÓ in movimento

Webmaster: Carlo Nobili Ś Antropologo americanista, Roma, Italia

ę 2000-2009 Tutti i diritti riservati Ś Derechos reservados

Statistiche - Estadisticas