Cuba

Una identitÓ in movimento


"Viva Cuba" di Juan Carlos Cremata. Un viaggio verso la speranza

Mireya Casta˝eda


Per i critici ed i cinefili dire "Premiato a Cannes" significa conferire a qualsiasi film una dimensione speciale. Se poi la pellicola consegue la comunicazione con il pubblico del suo paese... Non si tratta di una finzione. Viva Cuba, il pi¨ recente film di Juan Carlos Cremata, ha fatto il miracolo.

Prima ha ottenuto a Cannes 2005 il "Gran Prix Ecrans Juniors", prestigioso premio del cinema giovanile consegnato nella sua terza edizione al film di Cremata e ad altri sei di diversi paesi. Dopo la prima, avvenuta simultaneamente in tutta l'Isola, Viva Cuba Ŕ un successo di incassi.

Si tratta di un road movie, che ci porta da una punta all'altra della geografia insulare, i cui protagonisti sono Jorgito e Mal˙, due bambini scappati di casa per non venire separati dai loro genitori. In un viaggio

"... fino al cuore della speranza", i due inseparabili protagonisti percorrono l'Isola "inseguendo un anelito: rimanere uniti, andare oltre le differenze ed arrivare fino ad un futuro migliore", ha spiegato in conferenza stampa il suo regista.

In conformitÓ con la sinossi, i due ragazzi si promettono amicizia eterna e scappano, per sfuggire dal proposito della madre della bambina di partire dal paese e portarla con sŔ.

"La prima delle nostre intenzioni Ŕ quella di rivolgere un appello alla riflessione dei genitori affinchŔ tengano molto in conto le opinioni dei loro piccoli nel momento di prendere decisioni cosý importanti".

Tra gli aspetti pi¨ azzeccati del film ci sono i suoi attori, prima di tutto i due bambini, Mal˙ Tarrau e Jorgito Milˇ e poi le attrici che interpretano le loro mamme, Luisa MarÝa JimÚnez e Larisa Vega, affiancate da prestigiosi attori come Eslinda N˙˝ez, Manuel Porto e Albertico Pujols.

Juan Carlos Cremata, che ha fatto irruzione nella cinematografia cubana all'inizio di questo lustro con Nada, il suo primo lungometraggio, ha girato una pellicola "familiare" in senso stretto.

Viva Cuba Ŕ stata co-diretta da Iraida Malberti, madre di Cremata e si Ŕ avvalsa dell'intervento del fratello di Juan Carlos, Carlos Alberto, direttore della compagnia teatrale per bambini "La Colmenita", della quale sono membri i due protagonisti, di sua nonna Sara Cabrera e dei suoi cugini Guillermo e Amaury RamÝrez Malberti (il primo come direttore artistico ed il secondo per la colonna sonora).

Per realizzare il progetto, Juan Carlos ha formato un'equipe di produzione con Inti Herrera, soprannominato "El Ingenio", continuando cosý nella creazione di un ambiente familiare (Inti Ŕ figlio dell'attrice Eslinda Nu˝ez).

Per quanto riguarda la produzione, Juan Carlos Cremata ha precisato che

"... non si Ŕ trattato di un progetto per l'ICAIC , ma per la Casa di Produzione della Televisione Cubana, in co-produzione con la compagnia pubblicitaria francese 'QUAD Productions', 'La Colmenita' e 'El Ingenio' e con la collaborazione di importanti istituzioni come la Fondazione del Nuovo Cinema Latinoamericano, la Scuola Internazionale di Cinema e Televisione di San Antonio de los Ba˝os, l'Universo Audiovisivo del Bambino Latinoamericano, il Centro Martin Luther King jr. ed il Fondo di Sostegno Audiovisivo in Centroamerica e Cuba (CINERGIA), che ci hanno aiutato nella post-produzione".

Oltre a venire considerato il primo film per bambini girato a Cuba dove questi ne sono i protagonisti, Viva Cuba Ŕ una pellicola pioniera nell'utilizzo di una nuova tecnologia.

"Abbiamo lavorato con una camera ĹPanasonic 100 AE, che filma a 25 fotogrammi progressivi ed in sistema PAL. Qui si usa NTSC e si filma a 24 fotogrammi. Questi 25 fotogrammi rendono molto pi¨ ricco il transfer a 35 mm., realizzato nei laboratori ECLAIR di Parigi".

Juan Carlos Cremata Ŕ un cineasta pieno di talento, immaginazione ed ottimismo e tiene in serbo molti progetti. Quando gir˛ Nada annunci˛ che si trattava del primo episodio di una trilogia, Nunca e Nadie ma, come ha detto, "non ho ancora trovato finanziamenti" per questi ultimi. Dopo si Ŕ parlato molto di Candela, un musical "rispetto al quale l'ICAIC ha pronunciato diversi 'per˛', per il suo costo" e questo lo ha portato a girare Viva Cuba.

E non Ŕ tutto. Il regista ha in mano diversi copioni, tra i quali l'adattamento dell'opera teatrale El premio flaco, del drammaturgo Hector Quintero.

Non c'Ŕ dubbio, Juan Carlos Cremata sta continuando il suo viaggio verso la speranza.


Fonte: Granma Internacional Digital
http://www.granma.cu/italiano/2005/agosto/mar16/viva-it.html

Granma. Ërgano Oficial del ComitÚ Central del Partido Comunista de Cuba

(L'Avana. 16 Agosto 2005)


Cuba. Una identitÓ in movimento

Webmaster: Carlo Nobili Ś Antropologo americanista, Roma, Italia

ę 2000-2009 Tutti i diritti riservati Ś Derechos reservados

Statistiche - Estadisticas